Tempio di Abydos: storia, descrizione, fatti | Informazioni sul Tempio di Abydos

4.2 / 5 241 Recensioni

Tempio di Abydos

Storia di Abydos

Abydos (la versione greca dell'antico nome egizio Abdu) si trova sulla riva occidentale del Nilo a circa 7 km a ovest della moderna città di Bolyana. Ha fatto il suo debutto sul palcoscenico della storia antica dell'Egitto ancor prima del periodo dinastico e ha conservato la sua aura di santità più a lungo di qualsiasi altro sito in Egitto. Questo perché Abydos era il centro culto di Osiride, l'eroe più amato in Egitto e la figura centrale del mito più popolare del paese.

Durante il regno di mezzo, Abydos fu completamente fondata come città di primaria importanza e meta di pellegrinaggio. Il dodicesimo faraone della dinastia Senusert I eresse un grande edificio sul sito del santuario precedente a Kom el Sultan, che divenne noto come il Tempio di Osiride. Durante il Nuovo Regno, Abydos raggiunse il suo apice come città santa. Thutmose I ordinò di costruire una chiatta di cedro ed elettro per Osiride, e quasi tutti i faraoni della XVIII dinastia lasciarono prove della sua devozione al dio, facendo aggiunte al tempio di Kom el Sultan.

I templi più visitati di Abydos sono quelli del Nuovo Regno di Seti I e Ramses II. Il tempio di Seti I è decorato con alcuni dei più bei pezzi di rilievo di ogni epoca che si possano trovare nella valle del Nilo. E i rilievi del vicino tempio di Ramses II sono così finemente scolpiti che ci inducono a sospettare che il tempio fu costruito all'inizio del suo regno e decorato dagli stessi artisti che lavoravano sotto il padre, Seti I.

Seti sembra che abbia desiderato un ritorno ai canoni ortodossi dell'arte egiziana dopo il movimento artistico separatista nel "periodo di Amarna". Le rappresentazioni nel suo tempio sono maestose, delicate e conservatrici. Il tempio è costruito in pietra calcarea fine e ha molte caratteristiche uniche: una è un'ala nell'angolo sud-ovest, paragonata con il tempio tradizionale, un'altra è il cosiddetto Osirion, e la più insolita, è la dedizione sette volte. Il tempio di Seti ha santuari per Osiride, Iside e Horus - la Triade associata ad Abydos; Ptah il dio di Menfi, Ra-Harakhte, Amon-Ra e l'ultimo santuario per Seti stesso. L'entrata del Pilastro e La prima Corte sono in rovina. Solo la sezione posteriore della seconda Corte è conservata. È vicina a una scalinata graduata che conduce a una terrazza sulla quale c'erano 12 pilastri quadrati, su ciascuno di essi è raffigurato Ramses II che abbraccia i principali dei dell'Egitto.

Osirion - è una struttura separata e si trova dietro il tempio di Seti I a sud-ovest. Il suo scopo non è chiaro ma le caratteristiche architettoniche sono uniche.Il tempio di Ramses II non è ben conservato, ma deve essere stato una volta tra i templi più belli della valle del Nilo. Alcuni dei blocchi del tempio sono stati riutilizzati nel corso dell'ultimo secolo e rimangono solo la parte inferiore delle mura e le basi delle colonne. Il tempio era costruito in calcare bianco a grana fine, granito nero, granito rosa, arenaria rossa e marrone e alabastro impeccabile. Il traliccio d'ingresso e il primo cortile sono stati purtroppo distrutti. Anche se non in buone condizioni, ma le scene di battaglia sopravvissute all'esterno del tempio si possono trovare sulla parete est della torre nord e sul muro occidentale.

Tomba reale del Secondo Periodo Intermedio scoperta nell'Alto Egitto nel gennaio 2014

Nella piccola città di Abydos, vicino alla città egiziana di Sohag, gli scavi dall'università della Pennsylvania sono incappati in quella che si crede sia la tomba di un antico faraone egiziano precedentemente sconosciuto che governò durante una dinastia locale dimenticata chiamata Abydos. L'esistenza di questa dinastia fu presentata per la prima volta nel 1997 ma non fu trovata alcuna prova che provasse la sua esistenza fino a quando non fu scoperto il nome e la tomba di uno dei primi re della dinastia di Abydos chiamato Woseribre-Senebkay.

La storia di questa scoperta è iniziata nell'estate 2013 quando il team ha scoperto il sarcofago rosso quarzite da 60 tonnellate del fondatore della XIII dinastia, Sobekhotep I, durante i lavori di scavo di routine nella necropoli di Medio Regno ad Abydos. Altri scavi nella zona hanno portato alla luce la tomba di Sobekhotep I e frammenti delle sue stele funerarie. Fu anche trovata una collezione di sepolture appartenenti a figure reali di un periodo successivo, probabilmente il Secondo Periodo Intermedio. I primi studi hanno rivelato che la raccolta funebre di Sobekhotep I è stata riutilizzata da questi re più tardi, uno dei quali riutilizzando un sarcofago e un altro riutilizzando vasi canopi in legno.

Gli studi condotti sullo scheletro indicano che era un uomo di altezza moderata intorno ai 1,75 metri di altezza e probabilmente morì a metà degli anni '40. Gli studi avevano anche rivelato che le travi di legno di cedro utilizzate per il cofano del canopo avevano originariamente appartenuto a Sobekhotep I come alcune travi portavano ancora il suo nome, coperte da dorature. È una scoperta molto significativa in quanto non solo ha fornito la prova di un'antica dinastia egiziana locale dimenticata e la posizione della sua necropoli reale, ma ha anche messo in evidenza le condizioni politiche e sociali dell'Egitto durante il Secondo Periodo Intermedio.

L'esistenza di una dinastia Abydos indipendente contemporanea alle Dinastie 15 (Hyksos nel nord) e 16th (Theban kingdom in the south) era stata ipotizzata per la prima volta nel 1997. La scoperta attuale lo confermò e identificò la posizione della necropoli reale a Sud Abydos in una zona chiamata Anubis-Mountain nell'antichità.

Circa 16 tombe reali della dinastia di Abydos che coprono il periodo 1650-1600 aC erano state trovate adiacenti alle tombe dei faraoni del Medio Regno precedenti tra cui Senwosret III (Dynasty 12, intorno al 1880-1840 aC) e Sobekhotep I (Dynasty 13 intorno al 1780 aC ), e Senebkay sembrava essere uno dei primi re.Il riutilizzo dei fasci di cedro della tomba di Sobekhotep I di Senebkay per incidere i suoi vasi canopi e il riutilizzo del sarcofago di quarzite da parte di un altro re della dinastia di Abydos che non è ancora stato identificato suggerisce risorse limitate e la situazione economica isolata del regno di Abydos. Scavi e studi continui in situ riveleranno più di una dinastia così dimenticata, oltre a gettare più luce sulla storia politica e sulla società di un'era importante ma mal compresa dell'antico Egitto.
Fonte:Ahram Online

Potrebbe piacerti anche Luxor temples

Escursione alle piramidi egiziane

Piramidi dall'aeroporto del Cairo

Durata : 5 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 68

Al canale Mangroves di Ras Mohammed

Escursione Ras Mohamed via terra

Durata : 6.5 Giorni
Tempo di incontro : 08:30 AM

prezzo 17

Nuovo standing Colossi di Memnon

Luxor da Hurghada in pullman

Durata : 19 Giorni
Tempo di incontro : 04:00 AM

prezzo 51

Antoniadis gardens

Tour della città di Alessandria

Durata : 8 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 45

Pubblicato: 12 Dec 2018 Ultimo aggiornamento: 28 Jun 2020