Logo Sharm Club Escursioni da Sharm El Sheikh

Museo Copto Cairo Egipto: tour, storia, mostre

Importanza storica

Il sito in cui sorge il museo attuale è molto importante dal punto di vista storico in quanto è intimamente legato all'inizio del cristianesimo in Egitto. Il museo è situato all'interno delle mura della fortezza romana di Babilonia, il più famoso e il più grande dei resti dell'impero romano in Egitto, e che molto probabilmente è stato costruito dall'imperatore Traiano all'inizio del 2 ° secolo sulle rovine della fortezza più antica attribuita ai Persiani e con lo stesso nome. Si afferma anche che l'imperatore Arcadio si aggiunse all'edificio nel IV secolo. Una parte considerevole degli edifici originali della fortezza e le loro torri sono ancora visibili. Un notevole quantitativo di antichità cristiane sono state raccolte e conservate in una delle sale vicine all'antica chiesa sospesa del vecchio Cairo. Morcos Simaika Pasha, uno zelante notabile copto, decise che un edificio speciale doveva essere eretto per ospitare questi importanti reperti storici, e attraverso i suoi sforzi continui, il museo copto è stato fondato nel 1910. Era destinato a ricevere qualsiasi oggetto o documento che potesse essere utile per lo studio della storia del cristianesimo nella valle del Nilo. Il fondatore fu assistito in questo da alcuni notabili copti e amici d'arte di diversi credo e nazionalità.

Il primo museo

I primi edifici furono stabiliti su un appezzamento di terreno appartenente al Patriarcato copto, che fu gentilmente messo a disposizione del fondatore dal Patriarca Cyril V, che ha anche permesso l'uso di antiche opere in legno e altri abbellimenti, come soffitti, funghi, colonne di marmo, fontane e mosaici portati dalle rovine di antiche dimore appartenenti alla comunità copta. Il museo ha otto sezioni disposte in ordine cronologico per permettere ai visitatori di apprezzare lo sviluppo dell'arte copta attraverso i secoli. Troviamo le seguenti sezioni: scultura e affreschi; tessuti antichi; icone, avorio e ossa; lavorazione del legno; metallo; manoscritti; ceramica e vetro; Acquisizioni etiopi.

Ala Antica

Il museo copto possiede una vasta collezione di stele che sono state portate alla luce da vari siti in Egitto. La maggior parte delle stele sono in pietra calcarea iscritte con testi copti, composte da preghiere. Qui si possono trovare scritti copti, simboli, nomi personali e nomi di città e villaggi. L'arte della ceramica copta fiorì fino al 13 ° secolo, grandi vasi di vario genere furono usati in gran numero nei monasteri e nelle chiese. Una vasta collezione di lampade è ora esposta al museo. Alcuni sono realizzati in maiolica smaltata blu o verde, accanto vedrete alcune fiasche chiamate San Menas. I pellegrini della chiesa di San Menas erano soliti portarle a visitare la chiesa. La collezione di vetri nel museo è piccola sebbene l'industria del vetro sia fiorita proprio nell'era copta, specialmente nel convento di Wadi el-Natron. Nel museo troveremo calici in vetro opaco, bottiglie di profumo, candelabri, lampade e coppe in vetro trasparente di tarda epoca.

Biblioteca

Il museo possiede una splendida biblioteca arredata con molti armadi in legno, fabbricati con pannelli intarsiati in avorio modo artistico, corrispondente all'atmosfera del periodo. La passione e l'interesse dei copti nell'acquisire manoscritti e biblioteche sono antiche tradizioni tramandate dai loro antichi antenati: i faraoni. Non c'era quasi un monastero o una chiesa senza una biblioteca arricchita con manoscritti di vario genere. Nel 1931 il governo rilevò il museo come proprietà statale e lo dotò di una biblioteca speciale che, oltre agli importanti manoscritti disseminati nei monasteri e nelle chiese, doveva contenere una collezione di opere moderne sulla storia egiziana e copta. Per ospitare questa biblioteca è stata creata un'ala spaziosa nella parte sud del museo. Ora la biblioteca contiene più di 6000 volumi di manoscritti e libri stampati che trattano tutti i rami della conoscenza e della storia in molte lingue.

Antichità nubiane

Nel 1963-64 durante la campagna di salvataggio di Abu-Simbel, una missione olandese ha scavato un sito a circa 3,5 km a nord-est di il tempio noto come Il luogo di Abdallah, il sito includeva edifici coperti di sabbia a più della metà della loro altezza. La missione ha trovato una chiesa sulle pareti di cui erano ancora visibili 23 affreschi. Questi 23 affreschi coperti di 30 metri quadrati sui muri della chiesa sono stati salvati da una squadra di esperti egiziani. Poiché gli affreschi hanno un interesse inestimabile, si è deciso di esibirli in modo selettivo nel museo in una stanza speciale con altre antichità nubiane. Sono stati scelti otto affreschi tra i più importanti: l'affresco della Natività, Cristo in una piccola mandorla, il Cavaliere.


Pubblicato: 2019-06-02
Ultimo aggiornamento: 2019-06-03