Mummificazione nell'antico Egitto | Mummie egizie antiche

4.7 / 5 130 Recensioni

Mummie egizie

Preistoria

Sinuhe, noto personaggio letterario egiziano, chiede al vecchio Ramose, che visse come imbalsamatore nella casa della morte, il tempio di Amon a Teban, nel famoso romanzo di Waltari: "Perché il corpo umano deve essere preservato, che può resistere alla morte, quando fa freddo e intorpidire? "" Così è stato e così sarà. Chi sono io, che potrei spiegare, cosa è successo dai tempi primordiali? "

Culto dei morti

In Egitto nacque il culto più illustre e colossale dei morti che l'uomo abbia mai celebrato sulla terra. Le case e i palazzi da vivi sono scomparsi ormai, restano a testimoniare le tombe del re, i nobili, i lavoratori dei come vivevano gli uomini nell'antico Egitto e come venivano sepolti. L'antico egiziano credeva che ogni uomo avesse molte anime. Solo il corpo è morto, ma le anime, Ka, Ba e Ankh vivono come creature spirituali. Ka è il gemello doppio della morte e deve nutrirsi come il corpo umano. Per Ba, la casa dei morti deve essere a ovest, così Ba può viaggiare nel mondo inferiore con il sole in declino e tornare con il sole nascente nel corpo umano. L'Ankh custodisce la morte e segue come fantasma vendicatore chiunque disturbi il silenzio della tomba. Dopo la morte questi spiriti vengono liberati dal corpo, con i ba che visitano la famiglia e gli amici e il ka che viaggia avanti e indietro dal corpo agli inferi. Affinché una persona sopravviva per sempre, il ba e il ka dovevano essere in grado di riconoscere il corpo tornando in esso.

Preparativi per la morte

Gli antichi egizi avevano elaborati preparativi per la morte, ma se una morte avveniva inaspettatamente la persona poteva essere sepolta in una tomba destinata a un altro membro della famiglia, oppure le decorazioni della tomba potevano essere completate dai bambini del defunto. Potrebbe volerci del tempo per costruire una tomba, ma la lunghezza del processo di mummificazione consentirebbe il tempo di costruire un sarcofago e / o una bara di cartonnage dedicata al defunto. Queste bare di cartonnage, di solito realizzate con fasce di lino e intonaco, utilizzate poi nei periodi successivi dinastici e greco-romani, descrivevano dettagliatamente il nome e i titoli della persona insieme ai versetti dei Testi delle bara che avrebbero garantito il suo passaggio sicuro attraverso gli ostacoli che si trovavano in attesa prima che fosse assicurato un posto nell'aldilà.

La bara poteva essere decorata con le ali di un avvoltoio protettivo, con collane floreali per simboleggiare la rigenerazione o con immagini dei quattro dei a cui era stata affidata la protezione degli organi interni rimossi durante il processo di mummificazione - Quebehsenuef, il dio dalla testa di falco che custodiva gli intestini; il Duamutef dalla testa di sciacallo, che custodiva lo stomaco; l'Imseti di origine umana, che custodiva il fegato; e il dio scimmia Hapy, che custodiva i polmoni. Poteva esserci anche una rappresentazione del dio falco Horus, il sole rinato, che significava rinascita.

Il processo di mummificazione

L'imbalsamazione e la mummificazione, inizialmente riservate solo ai faraoni, alla fine si diffusero in tutti i gruppi sociali, permettendo così a ba e ka di trovare il corpo corretto. Il processo di mummificazione era complesso, tuttavia, e dipendeva fortemente dallo status sociale della persona deceduta. Chiaramente più alto è il rango sociale, migliore era la mummificazione. Al mummia-master iniziava la vera mummificazione del defunto. Per settanta giorni sacerdoti e imbalsamatore erano impegnati con la preparazione del cadavere. Il morto era posto su un tavolo alto 30 cm con un foro, si pensava che i liquidi corporei potessero defluire. Dapprima il corpo veniva lavato con vino di palma e acqua del Nilo, in seguito avveniva la rimozione degli organi interni attraverso una fessura nell'addome. Il cervello veniva rimosso attraverso il naso e scartato, mentre il cuore veniva lasciato nel corpo.

Gli organi mummificati venivano collocati separatamente in quattro vasi canopici. (In periodi successivi gli organi interni disidratati furono avvolti e rimpiazzati nel corpo prima della sepoltura e i vasi canopici rimasero vuoti). Il corpo veniva quindi imballato e coperto di natron (carbonato di sodio idrato) e lasciato asciugare per 40 giorni. Dopo questo periodo la mummia veniva nuovamente lavata, cosparsa di profumo con oli e avvolta in strisce di lino. Le dita, anche quelle dei piedi e gli arti sono avvolte separatamente e gli amuleti collocati tra gli involucri. Una copia di versi del Libro dei Morti vieniva messa tra le mani e più strisce di lino avvolte attorno a tutto il corpo. Ad ogni strato, veniva applicata resina liquida per incollare le bende. Alla fine il corpo era avvolto in un grande sudario fissato con cinghie di lino e poi collocato nella bara di legno o di cartonnage o sarcofago di pietra in cui doveva essere sepolto.

I sacerdoti facevano cerimonie e rituali religiosi durante il processo di mummificazione e sepoltura per preparare i defunti all'aldilà. Gli antichi egizi credevano che il defunto dovesse superare alcune prove stabilite dagli dei e che il Libro dei Morti che portava con sè lo avrebbe aiutato in questo transito, il più importante di tutti era la pesatura dell'ib (cuore) - che era rimasto nel corpo - contro la piuma di Maat (verità). Se il cuore non pesava più della piuma, il defunto poteva entrare nel regno sotterraneo di Osiride, ma se era più pesante della piuma il defunto veniva immediatamente mangiato dal mostro Ammit.

Un sacerdote travestito da Anubi, il dio con la testa di sciacallo aveva la supervisione di questa sacra cerimonia. Prima dell'internamento, l'artigiano della città dei morti produceva la maschera della morte raffigurante il volto della persona morta. La maschera della morte non copriva solo il volto, ma anche la parte superiore del seno e la schiena. Per i faraoni e le persone importanti le maschere erano realizzate in oro puro e intarsiate con pietre preziose. Le mummie appena scoperte nell'Oasi di Bahria mostrano che la mummificazione è continuata anche durante il periodo romano in Egitto e che i cadaveri sono stati conservati con precisione e bellezza.

La mummia femminile che indossa gioielli d'oro

Nel 2014 un'antica mummia egizia femminile che indossava gioielli d'oro è stata rinvenuta nel tempio di Thutmose III ad Al-Gorna sulla riva occidentale di Luxor. La mummia è in cattive condizioni di conservazione poiché questo sito di sepoltura, insieme ad altri vicini, è stato oggetto di saccheggio prima . I gioielli sono stati trovati sulla parte superiore della mummia e includono una collana in oro decorata con pietre semi-preziose e piatti d'oro, con un ciondolo conchiglia dorata finemente lavorato al centro. Il pendente pesante oltre 20 grammi. Due bracciali d'oro attaccati a bracciali d'argento sulle braccia, così come due bracciali d'argento alla caviglia. Il pendente e i braccialetti sono in perfette condizioni, ma i braccialetti alla caviglia sono danneggiati. I primi studi sulla mummia rivelano che la donna è morta trentenne ed era ricca.

Mummie reali

Nel 1870 il nascondiglio di Deir el-Bahari presso la riva ovest di Luxor fu scoperta per caso dalla famiglia Abdel Rassul, conosciuti come ladri di tombe. Per quasi 10 anni il deposito è rimasto il tesoro segreto della famiglia che è riuscita a rubare e vendere un mucchio di mummie e altri manufatti nel mercato internazionale delle antichità.

Nel 1881, il gruppo di Deir el-Bahari era conosciuto in tutto il mondo e una delegazione ufficiale comprendeva Maspero, Brugsch e Ahmed Pasha Kamal che trasportavano le 40 mummie appena scoperte al Cairo. La cache fu scoperta in un altra scavata nella roccia e comprendeva due gruppi di mummie che giacevano in semplici e spessi sarcofagi di legno che portavano i loro nomi. Il primo gruppo conteneva mummie della XVII e XX dinastia come Seqenenre, Ahmose, Amenhotep I, Tutmosis I, II, III, Ramses I, Seti I e Ramses II, oltre a otto mummie di principesse. Il secondo gruppo includeva mummie di re e sacerdoti della XXI dinastia all'interno dei loro sarcofagi originali.

Più avanti, un altro nascondiglio reale fu scoperto dall'egittologo francese V. Loret all'interno della tomba di Amhotep II (KV35) presso la riva occidentale di Luxor e comprendeva 11 mummie reali. Tra queste le mummie di Amenhotep II e III, Tutmosis II e IV, Septah, Seti II, Ramses IV, V e VI e tre mummie non ancora identificate.

Nell'aprile 2014 un deposito della XVIII dinastia contenente quasi 60 mummie reali fu rinvenuto nella missione archeologica svizzera nella Valle dei Re un deposito di mummie reali è stato rinvenuto sulla riva ovest a Luxor. La tomba contiene quasi 60 antiche mummie reali egiziane della XVIII dinastia insieme ai resti di sarcofagi in legno e maschere di mummia di cartonnage raffiguranti le caratteristiche facciali del defunto. I primi studi rivelano che i testi incisi su alcuni dei vasi di terracotta trovati all'interno della tomba identificano i nomi e i titoli dei 30 deceduti, tra cui i nomi delle principesse citate per la prima volta - Ta-Im-Wag-Is e Neferonebo.

Saranno condotti studi antropologici ed esame scientifico dei frammenti di argilla trovati per identificare tutte le mummie e determinare il proprietario della tomba e la sua rispettiva mummia. Tra i reperti c'erano mummie ben conservate di bambini piccoli e una vasta collezione di oggetti funerari. Anche i resti di sarcofagi in legno sono stati portati alla luce, dimostrando che la tomba fu riutilizzata dai preti come cimitero. I primi esami della tomba rivelano che è stata soggetta a furti più volte dall'antichità.

Alcune delle mummie reali possono essere ammirate nel Museo Nazionale Egizio al Cairo presso la Royal Mummies Hall o nel museo delle Mummificazioni di Luxor.

Lista di Storia Antica

Potrebbe piacerti anche

The great processional way in Luxor temple

Tour di un'intera giornata alle rive est e ovest di Luxor

Durata : 8 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 92

Nuovo standing Colossi di Memnon

Escursioni da Hurghada a Luxor in pullman

Durata : 18 Giorni
Tempo di incontro : 04:00 AM

prezzo 74

Escursione alle piramidi egiziane

Escursione Cairo Scalo Aeroporto | Scalo del Cairo dall'aeroporto

Durata : 10 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 92

Pubblicato: 09 May 2024 Ultimo aggiornamento: 09 May 2024