Logo Sharm Club Escursioni da Sharm El Sheikh

Lingua d'Egitto: storia, sviluppo, fatti

Sviluppo della lingua egizia

I Greci chiamarono la scrittura egizia "geroglifici" che significa "quadri segreti in pietra". La lingua egiziana non è come la nostra, è scritta senza vocali, maiuscole e punteggiatura. A seconda del modo in cui i segni sono rivolti, può essere letto da sinistra a destra, da destra a sinistra o dall'alto verso il basso. La scrittura geroglifica è composta da circa 700 segni diversi che possono essere divisi in due classi principali: fonogrammi e ideogrammi. I fonogrammi rappresentano consonanti o gruppi di due o tre consonanti ad es. Gli ideogrammi rappresentano il significato della parola in modo pittorico, quindi …… rappresenta il sole o quasi qualsiasi parola associata al sole come luminosità, splendore, luce del giorno ecc. Una parola scritta in geroglifici è spesso costituita dalle stesse consonanti seguite da un'immagine che aiuta a definire il significato. L'immagine è necessaria perché senza vocali il significato di una parola è confuso. Ad esempio, in inglese "CT" può significare cat o cut, ma "CT" con l'immagine rende il significato abbastanza chiaro.

Il significato dei geroglifici

Sui muri e le colonne di Karnak e di Dendera, Champollion fu felice di scoprire che era in grado di leggere facilmente le iscrizioni. Molti uomini prima di lui avevano tentato ma non riuscirono mai a decifrare gli adorabili geroglifici - una parola che significa "sculture sacre". Alcuni studiosi avevano creduto che fossero una specie di codice ad immagine, principalmente su bulbi oculari e linee ondulate, scarafaggi, bombi e uccelli. C'era molta confusione sul significato dei geroglifici. Alcuni studiosi decisero perfino che gli egiziani erano coloni dell'antica Cina. Altri studiosi conclusero il contrario. Sono state pubblicate molte false traduzioni. La pietra di Rosetta era stata scoperta nel 1799 da un soldato francese che lavorava nella città di Rashid, nel Delta del Nilo, che gli europei chiamavano Rosetta. Era un pezzo di pietra proveniente da un antico tempio, che mostrava quello che sembrava essere lo stesso messaggio in tre lingue diverse: in geroglifici nella parte superiore, in demotico (uno stile semplificato di geroglifici) nel mezzo e in greco (la chiave del traduzione) in fondo. Champollion, che parlava correntemente l'antico greco, leggeva che la pietra era stata fatta per commemorare l'incoronazione di Tolomeo V Epifane. Nella primavera del nuovo anno 196 a.C. In questa occasione il re liberò prigionieri politici, rimise le tasse, diede soldi ai templi e aumentò le dimensioni dell'esercito. Il testo greco menziona Tolomeo molte volte. Quasi nelle stesse posizioni nel testo geroglifico è un insieme di simboli circondato da un ovale o cartiglio. Champollion pensò che questo probabilmente significava anche Tolomeo. In tal caso la scrittura non potrebbe essere fondamentalmente pittografica; la maggior parte dei simboli deve indicare lettere o sillabe. Champollion contava anche il numero di parole greche e il numero di geroglifici nei testi equivalenti. C'erano meno parole greche, il che suggeriva che i geroglifici erano principalmente lettere e sillabe.

Quali geroglifici corrispondevano a quali lettere?

Fortunatamente, Champollion traduceva anche l' obelisco di Philae che includeva i geroglifici per il nome di "Cleopatra". Sono stati confrontati i due cartigli per "Tolomeo" e "Cleopatra". "Tolomeo" inizia con una "P": il primo simbolo nel cartiglio è un quadrato. "Cleopatra" ha una "P" per la sua quinta lettera - lo stesso quadrato. La quarta lettera in "Tolomeo è una" L "che è rappresentato da un leone. La seconda lettera di "Cleopatra" è anche una "L". Ed ecco di nuovo il leone. L'aquila è una "A", appare due volte in "Cleopatra. Emerge un modello chiaro. I geroglifici egiziani sono un semplice codice di sostituzione. Ma non tutti i geroglifici sono una lettera o una sillaba, alcuni sono pittogrammi. La fine del cartiglio "Tolomeo" significa "perenne, amata dal dio Ptah". Il semicerchio e l'uovo alla fine di "Cleopatra" sono un ideogramma convenzionale per "figlia delle isole". Questa miscela di lettere e pittogrammi ha creato molta confusione per i precedenti interpreti. Sembra quasi facile, ma ci sono voluti molti secoli per capirlo e c'era molto altro da fare soprattutto nella decifrazione dei geroglifici di tempi molto precedenti. I cartigli erano la chiave all'interno della chiave. È stato estremamente complicato e difficile anche scrivere. Successivamente, sono stati sviluppati due script più semplici più corsivi. Furono chiamati ieratici (dalla dinastia V nel Vecchio Regno) e demotici (nel 700 a.C.) che venivano usati per gli affari quotidiani. Il geroglifico formale era riservato alle iscrizioni monumentali. L'ultima forma di lingua egiziana era la scrittura di cristiani egiziani (copta). Sembra essere stato un linguaggio piuttosto onomatopeetico. La parola per asino (copto ...) deve essere suonata piuttosto "eeyore" mentre ……. "miw" incantesimo... gatto!

La lingua copta

La lingua copta è la stessa degli antichi egizi ma nella forma tarda parlata dagli abitanti dell'Egitto durante i primi secoli dell'era cristiana. Tuttavia, i copti, quando scrivevano usavano le lettere dell'alfabeto greco e gli egiziani durante il cristianesimo, scambiarono la loro vecchia immagine, i simboli, con un alfabeto greco modificato, a cui aggiunsero sette lettere prese in prestito dal loro stesso demotico (vecchia scrittura popolare) , per indicare sette suoni inesistenti in greco. Gli egiziani ricorsero all'alfabeto greco perché il loro nativo Demotic, che rappresentava l'ultimo stadio dello sviluppo della scrittura geroglifica, era estremamente difficile e complicato, mentre il greco era molto più facile. Inoltre, il greco era, a quel tempo, ben conosciuto in Egitto e ampiamente diffuso, almeno tra le classi alte e medie.

La completa prevalenza della lingua copta

La completa prevalenza del copto è stata impedita da due fattori principali. In primo luogo, il copto non è mai stato né la lingua ufficiale né l'unica lingua del paese. In secondo luogo, non ha prosperato a lungo. In effetti ebbe una vita molto breve, poiché il greco era la lingua del governo e delle classi colte allo stesso modo in tutte le epoche greco-romana e bizantina. Mentre l'uso della vecchia lingua nazionale era limitato agli affari della Chiesa, all'insegnamento e ai sermoni religiosi, nonché alle normali conversazioni e transazioni commerciali della gente comune. Va notato che il copto fiorì in una certa misura dopo la conquista araba dell'Egitto, ma non per molto, poiché l'arabo lo sostituì gradualmente. L'XI secolo o giù di lì segna la fine della creazione intellettuale e letteraria in copto, la lingua è sopravvissuta solo nella chiesa copta, dove è usata nella sua liturgia.

Il moderno dialetto egiziano

Per quanto riguarda i tempi moderni, gli egiziani usano la lingua araba per scrivere, scrivono da destra a sinistra e non usano maiuscole o punteggiatura! Per quanto riguarda il parlare il dialetto egiziano della lingua araba si diffonde selvaggiamente non solo in Egitto ma anche in altri paesi arabi. Sfortunatamente, il dialetto egiziano non ha forma scritta.


Pubblicato: 2019-11-12
Ultimo aggiornamento: 2019-11-12