Fauna d'Egitto | Animali in Egitto | Egitto Desert Animals

4.3 / 5 147 Recensioni

Fauna d'Egitto

Animali d'Egitto

Esistono molti tipi di animali che vivono in Egitto. Cavalli, cammelli, bufali e asini sono gli animali più diffusi qui. Per quanto riguarda la fauna selvatica del deserto, le gazzelle, lo stambecco della Nubia, gli sciacalli, i Jerboas e le volpi del deserto sono originari del paese.

Cammelli

I cammelli sono gli animali più famosi in Egitto. Per migliaia di anni il cammello è stato il metodo di trasporto preferito in questa parte del mondo e per buoni motivi. Il cammello può viaggiare per settimane senza cibo o acqua, vivendo del grasso e dei fluidi corporei immagazzinati nella sua gobba (la gobba rende anche un sedile molto comodo per chi lo monta). Esistono diversi tipi principali di cammelli: cammelli con 2 gobbe e altri con una sola gobba si chiama dromedario. Il più popolare in Egitto è il dromedario (Hairier). Nota la forma strana delle sue narici, i cammelli possono chiuderle per impedire alla sabbia di entrare e minimizzare la perdita di umidità.

Volpi

I Fennec o volpi del deserto sono animali molto comuni, si possono incontrare in tutto l'Egitto, ma soprattutto nelle aree desertiche dove si sono evolute per adattarsi abbastanza bene alla vita. I loro piccolo corpo (il Fennec è la volpe più piccola del mondo) minimizza la perdita di calore corporeo e acqua. I suoi grandi occhi e orecchie permettono di vedere e ascoltare sia i predatori che le prede molto facilmente. I fennec sono spesso tenuti come animali domestici e se sono nati e cresciuti in cattività possono essere abbastanza docili.

Lince del deserto

La Lince del deserto è il più grande dei gatti selvatici dell'Egitto, sebbene sia ancora molto più piccolo dei suoi cugini della giungla. Il suo colore marrone-sabbia con ciuffi auricolari scuri è la sua caratteristica più distintiva. Le prede principali della Lince sono gli uccelli. Le sue gambe potenti e il suo corpo agile gli danno la possibilità di saltare in uno stormo di uccelli e uccidere prima ancora che abbiano la possibilità di reagire. Le sue zampe anteriori sembrano le zampe anteriori della Sfinge vero?

Donnole

Le Donnole si trovano in tutto il mondo in quanto possono adattarsi a qualsiasi ambiente. Le donnole mangeranno qualsiasi cosa e arrecheranno danni devastanti ai polli domestici come galline e anatre, mangiando le uova e anche i piccoli pulcini. Per molti egiziani, la donnola è un grande fastidio. Spesso si trovano a vivere in città, persino nelle pareti di case come topi, rubando cibo ovunque possano trovarlo.

Il gatto selvatico egiziano

Caccia la stessa preda della sua controparte domestica: piccoli roditori, uccelli e serpenti. Davvero, l'unico modo per distinguere il gatto selvatico egiziano da un tabby comune è la sua coda. È più corto e più spesso di quello domestico. Ma se riesci ad avvicinarti abbastanza a un gatto sconosciuto in Egitto per vederne la coda, probabilmente non è affatto un gatto selvatico.

Fauna del Sud Sinai

Il Sinai del sud è uno dei tre luoghi più ricchi in Egitto per la biodiversità, gli altri sono la costa mediterranea e Gabel Elba nell'estremo sud-ovest. Scopriamo alcuni tipi comuni di animali che vivono nel Sinai del Sud, insieme ad alcuni dei tipi rari più interessanti. Alcuni hanno una distribuzione molto limitata e sono specie prioritarie per la conservazione.

Grandi mammiferi

A differenza dell'Africa sub-sahariana, l'Egitto non è pieno di grandi animali, ma ne ha alcuni. In un lontano passato, diversi milioni di anni fa, vi era una fauna estesa e complessa di grandi mammiferi i cui fossili sono stati molto studiati dal Faioum. La graduale essiccazione del Nord Africa negli ultimi 10 000 anni ha spazzato via la maggior parte delle specie e alcuni sopravvissuti sono stati portati all'estinzione da cacciatori umani di preistoria e storia, lasciando solo un residuo ancora esistente. Non si sa molto della fauna preistorica del Sinai. Certamente questo non conteneva cammelli, poiché sono completamente assenti dal periodo faraonico in Egitto. I cammelli sembrano essere stati introdotti dagli umani solo circa 2000 anni fa.

Leopardo Arabo

Il Leopardo arabo è in grave pericolo, probabilmente già estinto da lungo tempo nella terraferma egiziana, la sottospecie del leopardo arabo è apparsa sul Sinai e potrebbe essere ancora lì. Ce ne sono alcuni esemplari nel deserto del Negev, ma sono scomparsi dalle montagne Hejaz dell'Arabia Saudita proprio attraverso il Golfo di Aqaba dal Sinai. Il difficile terreno di montagna e la loro natura eccezionalmente riservata e cauta rendono molto difficile stabilire l'esistenza di una popolazione riproduttiva. L'ultimo record positivo nel Sinai risale al 1996 e l'ultimo esemplare definitivo nel 1955, quando fu putroppo abbattuto sul Monte Sinai.

Stambecco Nubiano

Lo Stambecco nubiano è già in pericolo, il magnifico stambecco è completamente a suo agio nelle ripide montagne rocciose del Sinai meridionale, potendo scalare le scogliere più ripide e attraversare percorsi apparentemente impossibili. Viveva in gruppi di un massimo di 40 animali, ma ora poco meno di 10. All'inizio di febbraio, i maschi usano le loro enormi corna per combattere per l'accesso alle femmine, allenandosi per martellarle sul loro avversario. Lo stambecco è sempre stato la carne preferita dei beduini e sono vulnerabili perché devono bere ogni giorno, a differenza di molti altri animali del deserto. L'ultima volta che sono stati contati sono stati circa 400 in tutto il Sud Sinai! Fortunatamente negli ultimi anni la popolazione sembra riprendersi, soprattutto nel deserto orientale.

Iena a strisce

La Iena a strisce non è a rischio sebbene siano rari ma ampiamente diffusi in Egitto e Sinai. Sono spazzini e predatori generali, che mangiano una grande varietà di cibi diversi, compresa la spazzatura: uno dei posti migliori per vederli sono le discariche di notte. Le trappole fotografiche del protettorato di Santa Caterina hanno fotografato iene più volte di recente, e certamente c'è una popolazione ragionevole di queste interessanti creature nel Sinai del Sud.

Gazelle

La Gazzella del Sinai meridionale è molto vulnerabile. Attualmente esistono solo 2 specie di gazzelle residenti in Egitto, entrambe vulnerabili all'estinzione; solo la gazzella Dorcas si presenta nel Sinai. Vivono su pianure sabbiose e wadi nelle pianure, con la loro roccaforte nella pianura di El Qaa. Gli animali entrano in wadies per nutrirsi e attraversano il Sinai est e ovest attraverso i sistemi di wadi meridionali inferiori. Nella terraferma egiziana i suoi principali predatori sono soliti essere i ghepardi, ma dalla loro scomparsa il filo conduttore della gazzella è ora la caccia sportiva illegale, spesso su scala altamente organizzata. Fortunatamente questo non accade quasi nel Sinai, ma la popolazione delle gazzelle è ancora bassa e vulnerabile. La gazzella Dorcas vive in coppia o in piccoli gruppi e si nutre di molti diversi tipi di piante e fa parte delle specie che hanno bisogno di acqua quotidianamente.

Mammiferi di media taglia

Esistono numerosi mammiferi di medie dimensioni piuttosto rari nel Sinai, ma pochi comuni. Di gran lunga le più probabili da vedere sono le volpi al mattino presto o alla sera tardi.

Volpi

Le volpi: non sono a rischio. Tutte e tre le specie di volpi egiziane vivono nel Sinai meridionale e i loro guaiti punteggiano l'immobilità delle serate, spesso suonando come bambini che gridano dal dolore. La specie comune nativa è Sand Fox (abu risha), più piccola della Red Fox (abu al hussein), con orecchie proporzionalmente più grandi e una pelliccia più chiara. La volpe rossa è arrivata con insediamenti umani, e ora è la specie più comune intorno a Santa Caterina e le città costiere, dove si nutre di polli e gatti randagi. La bellissima volpe di Blanford è piccola con orecchie molto grandi e un'enorme coda folta piuttosto simile a quella di un gatto. Questo tipo è molto raro e vive solo nel Sinai orientale, proprio al margine occidentale della sua distribuzione geografica mondiale, che si estende fino all'Afghanistan.

Lepre

Lepre - di solito chiamate Conigli d' Egitto. Sono molto comune in tutto l'Egitto, incluso il Sinai. Fanno affidamento sul fatto di rimanere nascoste in una buca o sotto una pianta fino all'ultimo minuto, quindi normalmente l'unica visione che abbiamo di loro è di un animale che corre via alla massima velocità da sotto i piedi. Si nutrono di piante come lo zigofillio di notte e se necessario, possono sopravvivere contando solo sull'acqua contenuta nel loro cibo. Si riproducono di più nelle pianure poichè le loro piccole dimensioni si riducono con l'altitudine, e quindi non sono così comuni nelle montagne. Sebbene le lepri dal Sudafrica all'Egitto siano tutte chiamate la stessa specie, il Lepus capensis lal Lepre del Capo, probabilmente la situazione è molto più complessa e sono coinvolte diverse specie. Le lepri egiziane probabilmente appartengono alla versione nordafricana ancora senza nome.

Iene

Come tutti i mammiferi in generale, la maggior parte delle 94 specie di mammiferi terrestri dell'Egitto sono pipistrelli e roditori, cioè piccoli. Come per molti gruppi di animali e piante, la più grande diversità si verifica nel Sinai meridionale, lungo la costa settentrionale dalla Libia al Delta, e a Gebel Elba nell'estremo sud-est. Tutte le cinque specie di mammiferi endemici dell'Egitto sono piccole (due gerbilli, due toporagni e la donnola egiziana), ma nessuna è confinata nel Sinai.

Piccoli mammiferi

I topi spinosi non sono a rischio. Sono grandi topi di colore dorato con una serie di peli rigidi (spine) extra spessi sulla parte anteriore della schiena. Troviamo 2 specie nel Sinai. Il topo spinoso dorato (a. Russatus) e Il topo spinoso Sinai (a. Dimidiatus). E uno, il topo spinoso del Cairo (a.cahirinus) vive in tutto il continente egiziano, ma non nel Sinai.

Topi spinosi

Questi topi sono associati ai giardini murati beduini, facendo tipicamente i loro nidi tra le pietre delle pareti. Raramente si trovano lontano dal fondo del wadi e lontano dai giardini, dove si nutrono di semi e insetti.

Topolino spinoso dorato

Il topo spinoso dorato ha una distribuzione limitata nel Medio Oriente meridionale, mentre il topo spinoso del Sinai, nonostante il suo nome, spazia dal Sinai al Pakistan. Normalmente entrambi sono notturni, ma dove si verificano insieme, come nelle montagne del Sinai del sud, il topo spinoso dorato è un roditore diurno.
Le loro spine fanno parte di un meccanismo di difesa intelligente contro i loro predatori: le spine respingono molti potenziali predatori, ma se vengono afferrate, una grande chiazza di pelle si stacca completamente (così come la pelle della coda) e il topo fugge: l'equivalente di una lucertola che si spezza la coda. A causa di questo meccanismo, i coaguli di sangue degli Acomys sono incredibilmente rapidi in modo da non perdere troppo dopo la loro fuga.

Ghiro del Sinai

Il Ghiro del Sinai non è in pericolo, questo bellissimo animale viene chiamato dai Abu Bedu "Abu Kohla" per via degli anelli scuri diagnostici che gli circondano, che si estendono alle orecchie come un paio di occhiali. Ha una lunga coda con una punta folta e scura, orecchie grandi e baffi lunghi e complessi. La sua distribuzione è piccola, dalla Libia al Medio Oriente, e quindi le popolazioni del Sinai sono significative su scala mondiale. Vive principalmente lontano dai giardini beduini sui lati rocciosi dei Wadi, dove si nutre di notte di materiale vegetale e insetti. Il Ghiro del Sinai è sempre molto più raro nei Wadi rispetto ai topi spinosi, e non si sa molto sulla loro biologia.

Barbastelle del Sinai

Barbastelle del Sinai - una piccola razza marrone-nera con orecchie larghe relativamente corte unite alla fronte, con il trago nell'orecchio peloso, triangolare e lungo più della metà dell'orecchio. Questo è il più raro di tutti i pipistrelli Paleolitici, con la più piccola distribuzione conosciuta di qualsiasi pipistrello Paleolitico. Fu originariamente scoperto nel 1822 o nel 1826 da Ruppell da "Arabia Petraea" ora da un lavoro investigativo sulle riviste dei viaggiatori conosciute sicuramente come Sinai, e forse il giardino del monastero di Santa Caterina. I suoi due esemplari furono abbinati solo da una manciata di Israele fino al 2005, quando il Dr. Christian Dietz catturò di nuovo la specie in Egitto dopo 183 anni. Uno studio successivo ha registrato le specie provenienti da diversi luoghi nel Sinai meridionale, ma i numeri sono chiaramente molto bassi. Diversamente da altre scommesse, le Barbastelle sono specializzate quasi esclusivamente sulle falene, in particolare le falene con "orecchie" che ascoltano le chiamate di pipistrello. La maggior parte delle popolazioni è quindi probabilmente cruciale per la sopravvivenza della Barbastelle del Sinai, rendendo particolarmente preoccupante l'installazione di lampioni lungo l'autostrada per Santa Caterina.

Pipistrelli dalle orecchie lunghe

I pipistrelli dalle orecchie lunghe non sono a rischio. Questi due adorabili pipistrelli con le loro caratteristiche orecchie sovradimensionate sono abbastanza comuni nel Sinai, che si vivono nei giardini beduini e intorno a fonti d'acqua aperte come i serbatoi di irrigazione. Espertissimi in volo, volano lentamente e con attenzione intorno agli alberi e alla vegetazione mentre spigolano principalmente le falene dalle foglie. Le enormi orecchie ricevono anche gli echi più piccoli, consentendo loro di scovarle senza fatica. Le specie Otonycteris producono ronzii simili ad api in volo.

Potrebbe piacerti anche Flora e Fauna

Escursione alle piramidi egiziane

Piramidi dall'aeroporto del Cairo

Durata : 5 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 76

Nuovo standing Colossi di Memnon

Luxor da Hurghada in pullman

Durata : 18 Giorni
Tempo di incontro : 04:00 AM

prezzo 76

Antoniadis gardens

Tour della città di Alessandria

Durata : 8 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 50

Obelisco dell'amicizia egiziano-sovietica ad Assuan

Escursione alla città di Aswan

Durata : 10 Giorni
Tempo di incontro : 07:00 AM

prezzo 88

Pubblicato: 12 Dec 2018 Ultimo aggiornamento: 28 Jun 2020