Storia islamica dell'Egitto: Tulunidi, Ekhshidits, Fatimidi, Ayyubidi

4.1 / 5 231 Recensioni

Storia Islamica dell'Egitto

Preistoria

Dopo il periodo dei faraoni, i persiani occuparono il paese circa 340 anni prima di Cristo. Ma i persiani furono essi stessi rovesciati da Alessandro Magno, che conquistò l'Egitto verso il 332 a.C. Il Tolomeo governò il paese da questo momento fino al 27 a.C. quando Augusto sostituì l'Egitto dopo aver sconfitto Cleopatra e Marco Antonio ad Acteum, finalmente i potenti romani. Ma con lo sgretolamento dell'impero romano, sorse il bizantino che governò fino a quando l'ondata araba islamica si diffuse sulla regione. Il leader arabo Amr Ibn Al Aas conquistò l'Egitto nel 641 d.C. e pose fine alla dominazione bizantina dell'Egitto. Da quella data l'Egitto divenne una provincia islamica governata dal deputato del Califfo. Costruì la prima moschea, stabilì una nuova città e le diede il nome di Al Fustat (tenda).

La dinastia dei Tulunidi (868-905 d.C.)

Il fondatore di questa dinastia Ahmed Ibn Tulun ha origini turche. Divenne leader nell'esercito degli Abbasidi, poi venne in Egitto e fu nominato deputato del califfo abbaside Al Mostaaen. Fondò anche una nuova città (Al Qataii) e costruì un'altra moschea. Rese l'Egitto indipendente dal califfo abbaside.

La dinastia Ekhshidits (935-969 d.C.)

Il fondatore di questa dinastia è Mohamed Ibn Taghg Al Ekhshidi, che ha anche reso l'Egitto indipendente dal califfo abbaside. L'Egitto sotto il dominio di suo figlio e successore divenne molto potente e ricco. L'evento principale in quel momento era la leggendaria festa di nozze di sua figlia Qater El Nada e del figlio del califfo.

La dinastia dei califfi fatimidi (969-1171 d.C.)

I Fatimidi sono una dinastia sciita originaria del Nord Africa che governò l'Egitto dal 969 al 1171 d.C. Fedeli seguaci del califfo Ali, il quarto "califfo giustamente guidato" nell'Islam, Fatimidi rivaleggiava con la dinastia abbaside per governare il mondo islamico, rivendicando la loro legittima eredità al califfato basata sulla loro diretta discendenza dal profeta Maometto. La prima azione di Fatimidi fu di gettare le basi di una nuova città reale fortificata al-Qahira (Il Cairo).

L'ultimo califfo fatimidico aveva solo diciotto anni quando i Seljuk conquistarono il Cairo. I Seljuk, originari dell'Asia centrale, avevano già conquistato la Siria e la Palestina e stabilito la loro capitale a Damasco. Nel 1168, l'Egitto era diventato un campo di battaglia tra i Seljuk e i Crociati, con i Fatimidi che avevano praticamente poco o nessun controllo, sebbene si schierassero per lo più con i Crociati.

Dinastia degli Ayyubidi (1171-1250 d.C.)

Fu nel 1168 quando il vincitore Shirkoh entrò al Cairo e fu nominato governatore dell'Egitto dal Sultano di Damasco, Noor-el-Din. Quando morì un anno dopo, suo nipote venne immediatamente nominato governatore successivo. Era giovane - sui trent'anni - e pieno di volontà. In breve tempo divenne una delle figure più famose della storia medievale. Si chiamava Salah-el-Din l'Ayyubid, meglio conosciuto nella storia occidentale come Saladino. Il giovane generale è uno dei pochi comandanti nella storia che sono tremendamente rispettati dai loro amici e nemici. Quando prese il controllo del Cairo, i Fatimidi rimasero isolati nei loro palazzi. Saladino non cercò vendetta, ma piuttosto attese fino alla morte del loro califfo. Quindi espulse i Fatimidi dai loro palazzi e li mandò in esilio.

Salah el Din e il suo dominio

A differenza dei suoi successori, il giovane generale non si impadronì della ricchezza dei Fatimidi, né occupò i loro palazzi. Come un sovrano premuroso, aprì le porte del Cairo e permise ai cittadini egiziani di vivere all'interno delle mura della città in aree che erano state occupate esclusivamente dalla regalità fatimide. A causa della sua sincerità e gentilezza, divenne popolare tra i cittadini egiziani - musulmani e cristiani - e aveva persino un medico ebreo personale.

E quando in seguito combatté contro Riccardo Cuor di Leone, la leggenda narra che Saladino ordinò ai suoi cavalieri di trasportare ghiaccio lungo la montagna per confortare il re britannico quando era malato. Al Cairo Saladino non solo costruì moschee e palazzi (in realtà non costruì un palazzo per se stesso), ma anche collegi, ospedali e una fortezza, la Cittadella, che rimane ancora uno dei simboli del Cairo fino ai giorni nostri. Sfortunatamente, è da prendere contro di lui e i suoi successori che hanno usato alcune delle pietre delle Piramidi per soddisfare l'eccessivo bisogno di materiali da costruzione nella città in crescita. La Cittadella fu costruita in una posizione elevata vicino alle colline di Muqattam e occupa un punto strategico da cui è possibile, fino ad oggi, avere una vista panoramica del Cairo. Nuove mura cittadine furono anche erette fuori dalle mura fatimide per difendere il Cairo dalle incursioni nemiche. Nel 1182, Saladino marciò in Palestina e in Siria e non tornò più al Cairo. Per i successivi 10 anni, combatté i crociati e riuscì a porre fine alla loro presenza nella regione, almeno temporaneamente. Quando morì a Damasco nel 1193, non aveva quasi possedimenti personali, ma si guadagnò un posto straordinario nella storia.

Gli successe in Egitto suo fratello Al-Adel, che dovette affrontare una famigerata carestia e pestilenza. Al-Adel fu a sua volta succeduto da suo figlio, Al-Kamel che fece amicizia con Federico II, e fu persino nominato cavaliere nel 1192 da Riccardo Cuor di Leone. La regola degli Ayyubidi (casa di Saladino) terminò quando il nipote di Al-Kamel, Al-Saleh, morì nel 1250. La breve regola di sua moglie, Shagaret-el-Dorr, segnò l'inizio di una nuova era, quando gli schiavi sapevano come i Mamelouk governavano l'Egitto. Gli Ayyubidi furono succeduti dai due regni mamelucchi consecutivi.

Mamluks stato (1250-1517 d.C.)

Una successione di forti sultani mamelucchi, originariamente schiavi mamelucchi basati su caserme nell'isola di Rhoda e quindi chiamati Bahri (arabo per fiume), che presero il controllo dell'Egitto e della Siria dal 1250 al 1382 d.C. Il loro regno fu caratterizzato da relativa stabilità e prosperità sul arena interna e potente controllo militare a livello esterno che sconfigge le minacce nemiche.
Il turbolento regime mamelucco circasso che prese il controllo dei mamelucchi bahri dal 1382 al 1517 d.C. era anche noto come Burgi Mamluk poiché si basavano sulle torri (Burg) della Cittadella. Il regno fu caratterizzato da epidemie, pesanti tasse per compensare il calo delle entrate che seguì alla scoperta di una nuova rotta commerciale verso l'India.

Escursione alle piramidi egiziane

Piramidi dall'aeroporto del Cairo

Durata: 5 Ore
Tempo di incontro : 08:00 AM

Prezzo 53

Al canale Mangroves di Ras Mohammed

Escursione Ras Mohamed via terra

Durata: 6.5 Ore
Tempo di incontro : 08:30 AM

Prezzo 18

Nuovo standing Colossi di Memnon

Luxor da Hurghada in pullman

Durata: 19 Ore
Tempo di incontro : 04:00 AM

Prezzo 47

Antoniadis gardens

Tour della città di Alessandria

Durata: 8 Ore
Tempo di incontro : 08:00 AM

Prezzo 47

Pubblicato: 12 Dec 2018 Ultimo aggiornamento: 28 Jun 2020