Museo dei coccodrilli a Kom Ombo Egitto

4.2 / 5 154 Recensioni

5

Tipo di tour Tour delle piramidi
Fotografia Consentito

Indirizzo

Location: On the site of Kom Omb otemple

Accessibilità

not wheelchair friendly

L'esposizione

Il primo museo in Egitto dedicato esclusivamente ai coccodrilli fu inaugurato nel sito archeologico di Kom Ombo. Affacciato sulla riva del Nilo di Assuan vicino all'Antico Tempio Egizio di Kom Ombo è ora aperto al pubblico. Il museo si trova alle porte del tempio di Tolomeo Om Ombo sulle rive della città egiziana di Assuan. Il museo, dedicato all'antico dio egizio Sobek (il dio coccodrillo appunto ), mostra quaranta coccodrilli mummificati, lunghi da due a cinque metri. I coccodrilli sono disposti su una collina di sabbia all'interno di una grande vetrata, permettendo ai visitatori di vedere come i coccodrilli passavano le loro giornate nell'antico Egitto. Una collezione di bare di coccodrillo e sarcofagi di legno, insieme a feti di coccodrilli e uova, sono inoltre esposti, oltre a stele e statue raffiguranti il ​​dio-coccodrillo Sobek, recanti un corpo umano e la testa di un coccodrillo. Sono anche esposte le repliche delle tombe e delle nicchie originali di Sobek. I manufatti più significativi attualmente in mostra sono i denti e gli occhi d'oro e d'avorio che sono stati inseriti nei coccodrilli morti dopo la mummificazione. In mostra anche una collezione di statue in legno e granito e riproduzioni di tane di coccodrillo nelle rocce. Vengono anche illustrati i processi di mummificazione di Sobek, nonché una cerimonia funebre e la sepoltura nella necropoli.

Sobek a Kom Ombo

Il tempio principale di Kom Ombo risale al periodo tolemaico, anche se le sue fondamenta potrebbero essere più antiche. Il tempio è insolito in quanto è diviso in due parti. La parte meridionale è stata dedicata a Sobek, che è stato adorato qui con la dea Hathor come sua consorte, e il dio Khonsu come loro figlio. Sobek era considerato un dio creatore, il padrone dell'universo, ed era connesso con altri dei, molti dei quali giocavano un ruolo chiave nella creazione. Sul lato settentrionale del tempio si celebrava il culto di Horus il Vecchio e della sua famiglia (la moglie Tasenetnefret e il figlio Banebtawy). In alcuni miti, Horus è chiamato il fratello di Sobek.

Una piccola cappella dedicata a Sobek si trova solo a nord-ovest del tempio principale Ovest questa è una fossa scavata nella roccia fiancheggiata da blocchi di pietra di cava. Alcuni studiosi hanno suggerito che questa fosse una cisterna, ma altri ritengono che fosse una camera sacra in cui era custodito un coccodrillo vivente, l'incarnazione terrena di Sobek stesso. L'usanza di tenere un animale sacro in un tempio era particolarmente popolare dal periodo tardo in tutta l'epoca romana. Gli egiziani credevano che una parte dell'essenza divina del dio fosse entrata nel corpo del suo animale totemico, rendendo l'animale un'incarnazione del dio. Durante la sua vita, il sacro coccodrillo sarebbe stato ben nutrito e curato e avrebbe persino potuto dare consigli oracolari ai suoi devoti. Dopo la sua morte sarebbe stato mummificato e seppellito con una grande pompa, e poi i preti avrebbero identificato un nuovo coccodrillo per ospitare la divina speranza di Sobek ed essere la sua manifestazione sulla terra. Molte mummie di coccodrilli sono state trovate in un piccolo santuario di Hathor situato appena all'interno del muro di cinta meridionale del tempio, così come nella vicina necropoli di el-Shatb.

Sobek Cemetery at el-Shatb

Il cimitero di Sobek è situato vicino a un piccolo villaggio di El-Shatb, a circa 2 chilometri a sud della moderna città di Kom Ombo, e ospita un gran numero di mummie di coccodrilli. Il cimitero copre un'area di circa 42 acri ed è diviso in 164 tombe del nord scavate, e nel sud - 73 tombe scavate, sezioni. I lavori di scavo furono eseguiti dall'Organizzazione delle Antichità Egiziane tra il 1965 e il 1968 e ancora una volta nel 1971-1983. Il cimitero fu usato dal Medio regno durante tutto il periodo greco-romano.

La maggior parte delle tombe nel cimitero di Sobek sono state scavate nel terreno duro, con supporti di mattoni di fango aggiunti ovunque il terreno fosse instabile. Le tombe non erano decorate, senza sovrastrutture. Anche se nel tempo ci sono cambiamenti architettonici, la maggior parte delle tombe dell'era greco-romana consistono in un'entrata dall'alto con una scala che conduce lungo l'asta in un'anticamera che si apre nella camera funeraria. La porta della camera funeraria era ostruita da un muro di mattoni di fango. A seconda delle sue dimensioni, la camera funeraria conteneva uno o più sarcofagi distesi sul pavimento o in nicchie (loculi) incisi nelle pareti. In alcuni casi, sopra il primo è stato aggiunto un secondo livello contenente ulteriori camere di sepoltura. La maggior parte delle tombe era stata saccheggiata, lasciando solo mummie animali e umane (alcune nello stesso sarcofago) e alcuni vasi di ceramica.

Oltre alle sepolture umane, il cimitero contiene un gran numero di mummie animali, la maggior parte delle quali erano di coccodrilli di varie dimensioni, dall'uovo al grande adulto, ma ci sono anche pesci, cani, falchi, parti di bestiame e la testa di un gazzella.

Potrebbe piacerti anche Aswan museums

Escursione alle piramidi egiziane

Piramidi dall'aeroporto del Cairo

Durata : 5 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 76

Nuovo standing Colossi di Memnon

Luxor da Hurghada in pullman

Durata : 18 Giorni
Tempo di incontro : 04:00 AM

prezzo 76

Antoniadis gardens

Tour della città di Alessandria

Durata : 8 Giorni
Tempo di incontro : 08:00 AM

prezzo 50

Obelisco dell'amicizia egiziano-sovietica ad Assuan

Escursione alla città di Aswan

Durata : 10 Giorni
Tempo di incontro : 07:00 AM

prezzo 88

Pubblicato: 12 Dec 2018 Ultimo aggiornamento: 09 Sep 2020